YugenEnsemble

yugenensemble

 

Lo Yugen Ensemble è un gruppo modulare formato principalmente da talenti musicali e da artisti di diverse discipline che vantano una carriera professionale internazionale d’alto livello.
Il gruppo è stato esclusivamente formato per eseguire musica contemporanea, in particolare quella del suo fondatore e direttore artistico, Stefano Teani.


 
Agnese Manfredini
Agnese Manfredini, nata il 21 dicembre 1997, viene ammessa all’ISSM L. Boccherini nel 2010 sotto la guida del Maestro Filippo
Read more.
Isabella Stabio
Isabella Stabio, nata nel 1985, si diploma nel 2005 in Sassofono con il massimo dei voti al Conservatorio “G. Verdi”
Read more.
Kevin Pedro Spagnolo
Kevin Pedro Spagnolo (1996) inizia lo studio del clarinetto all’età di soli otto anni presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali
Read more.
Emanuele Lucchesi
Emanuele Lucchesi nasce il 6 gennaio del 1992 a Lucca. Sí diploma nel 2011 presso l’Istituto Musicale “Luigi Boccherini” di
Read more.
Cristian Monti
Cristian Monti, nato nel 1991, ha intrapreso gli studi musicali con la madre Manuela Innocenti e ha conseguito il Diploma in
Read more.
Arody Garcia
Nato nel 1988 a Lerdo, Messico, inizia lo studio della chitarra ai 12 anni con il M° Marco Aurelio Mares, e
Read more.
Valentina Cinquini
Valentina Cinquini si avvicina all’arpa nel 2004, all’età di 10 anni. Nel 2011 incide come arpa solista e voce nel
Read more.

 

Brochure Yugen Ensamble

Brochure Yugen Ensemble

Da non confondere col tedesco “jugend”, la parola giapponese “Yugen” descrive uno degli aspetti caratterizzanti dell’Haiku (la tradizionale poesia nipponica) ma anche del teatro No.
Si tratta di uno dei termini più importanti e più difficili da definire dell’intera estetica giapponese.

Si può tradurre con “mistero”, “misterioso”, “indefinibile”.
Ecco la ragione per cui tale parola risulta perfetta per questo Ensemble; la frase che più ha sconvolto l’estetica del compositore, infatti, fu pronunciata dal M. Delle Vigne:“Mistero, ricordati questa parola in arte. Se si potesse spiegare esattamente ogni nota e ogni aspetto dell’opera non sarebbe arte ma scienza, filosofia. Per essere arte ci deve essere qualcosa di indefinibile”
Da allora questo aspetto riveste un ruolo di primaria importanza nella poetica di Teani e dello Yugen Ensemble